Nonostante diversi sforzi fatti per incoraggiare la mobilità sostenibile, a livello nazionale e regionale, ad oggi il mezzo più usato nel nostro Paese resta l’automobile. Secondo quanto rilevato dal rapporto Censis-Michelin sulle abitudini degli italiani in fatto di mobilità, infatti, più del 65% dei cittadini (27 milioni in totale) si sposta in auto. Vediamo quindi quali controlli è necessario fare a cadenza regolare per rendere la nostra vettura davvero sicura.

Quali controlli bisogna fare?

Per viaggiare sicuri è necessario controllare prima alcune parti specifiche dell’automobile, in modo da scongiurare qualsiasi problema durante la guida.

Partiamo dalle gomme, la cui pressione (che dovrebbe essere controllata “a freddo” per non compromettere il risultato della misurazione) è di grande importanza per la tenuta della strada e la stabilità del veicolo, e dallo stato degli pneumatici, troppo spesso trascurati dagli italiani per risparmiare. Anche l’olio motore dovrebbe essere controllato (almeno una volta al mese), e in questo senso è un’ottima idea portare con sé una confezione di scorta nel bagagliaio nel caso ci fosse bisogno di rifornimento. Attenzione anche al liquido di raffreddamento del motore, al liquido dei freni e al filtro gasolio, la cui efficienza risulta fondamentale per evitare che l’acqua entri nel carburante; a questo proposito è consigliabile sostituirlo ogni 30mila chilometri circa.

Per quanto riguarda i documenti, a seconda dell’auto ci sono delle scadenze da rispettare riguardo al tagliando (noto anche come contrassegno assicurativo) che, essendo ormai elettronico, non bisogna più esporre obbligatoriamente sul parabrezza; a questo proposito può essere d’aiuto scoprire che cosa devi sapere sul tagliando elettronico della tua auto su siti come Facile.it, per approfondire a dovere l’argomento. Infine, attenzione alla copertura dell’assicurazione e alla scadenza della revisione, per essere sicuri che l’auto sia in condizioni ottimali e per non incorrere in sanzioni.

 

Cintura di sicurezza: perché è così importante?

I controlli periodici dell’auto sono di grande importanza per quanto riguarda la prevenzione di problemi che potrebbero creare delle situazioni di rischio. Questi, però, dovranno necessariamente essere accompagnati da una buona dose di buon senso alla guida, che prevede anche l’uso della cintura di sicurezza. Per quanto possa sembrare un concetto scontato, non tutti gli italiani la usano come dovrebbero: se sui sedili anteriori la cintura viene usata da 9 italiani su 10, infatti, su quelli posteriori più di 1 su 2 non la allaccia. Oltre a preservare la nostra incolumità in caso di incidente (in quanto evitano di farci urtare contro delle parti interne all’abitacolo, o addirittura di essere sbalzati fuori), però, la cintura di sicurezza.

Foto di Free-Photos da Pixabay