Si può uscire dalla depressione in poco tempo? I farmaci sono indispensabili? È possibile uscire dalla depressione in modo naturale? Gli esperti spesso si ritrovano concordi nel dire che si può, ma che molto dipende dalle singole casistiche personali. Ecco una raccolta di consigli di esperti che abbiamo raccolto per voi, ricordandovi sempre che il consiglio di tipo medico che potete trovare sul web sono solo indicativi e che per dei seri problemi dovete rivolgervi al personale medico specializzato.

Detto ciò se soffri di depressione o credi di soffrirne, oltre a cercare l’aiuto medico necessario, puoi provare a fare qualcosa da te, aiutandoti a tuo modo, senza per questo dover ricorrere a farmaci o al portafoglio.

  • Non dare tutta la colpa a te stesso

    Un amico che ha sempre sofferto di depressione mi ha confessato che ha iniziato a sentirsi meglio, quando ha capito che vivere nel rimpianto attribuendosi colpe gigantesche per delle opportunità perdute, era peggio che infliggersi delle pugnalate in pieno petto. Sentirsi colpevoli di qualcosa che va oltre le proprie reali responsabilità. Non è facile tenere a bada questi sentimenti di rimorso, queste emozioni negative che tendono a governare la giornata. La depressione per quanto spesso non sfoci in aperti dolori fisici (che però spesso si acuiscono in concomitanza con altre patologie) è una vera e propria malattia e andrebbe curata come tale. Sapere di avere un problema è un primo passo per risolverlo. Non attribuirsi colpe non necessarie, che vanno al di là del problema, che va dunque circoscritto, è un secondo passo verso la salute. Basta darti colpe che non hai, guarda al futuro.

  • Parla con qualcuno dei tuoi problemi

    La depressione è spesso riempita da silenzi e incomprensioni. Si vorrebbe parlare, ma non è mai semplice parlarne, è come un segreto, un peccato inconfessabile. Nel caso della depressione poi è più difficile parlarne perché dall’esterno non si può vedere. Se hai l’influenza o anche una malattia più grave, l’aspetto tende a farlo notare: il viso sciupato, le occhiaie, una sensazione di debolezza che viene chiaramente trasmessa. Invece, nel caso della depressione, a meno di sintomatologie evidenti, il tutto può avvenire senza che il corpo segnali la presenza del male, a livello esteriore. Invece dovete parlare, non potete aspettare che siano gli altri a chiedere. La depressione è anche isolamento: evitare di farlo è un passo avanti. Non sentitevi strani, ci sono molte altre persone nella stessa situazione desiderose di aiuto. Parlatene con chi vi sentite a vostro agio, noterete subito un miglioramento nell’umore.

  • Fate esercizio fisico

    La depressione è spesso fatta di isolamento, ma anche sedentarietà, pigrizia, senso opprimente di stanchezza e fatica, spesso più mentali che fisiche. Invece fate esercizio fisico, andate a correre, a fare una passeggiata, prendetevi 3 ore alla settimana per andare in palestra. Gli studi hanno confermato che i pazienti depressi che fanno esercizio regolare vedono i sintomi della depressione ridursi. Con l’esercizio fisico avete un miglior bilanciamento degli ormoni.

  • Prenditi cura della tua salute

    Può sembrare scontato e in effetti lo è, però la depressione tende ad avere l’effetto di una slavina. Quando ci investe trascina via tutto portando spesso trascuratezza e poca voglia di prendersi cura di noi stessi. Invece va ribadito che la cura personale, il sentirsi bene, è fondamentale. Ci sono malattie legate assieme da un filo sottile: il diabete, i problemi coronarici trovano nella depressione una causa nascosta. Questa dipendenza dipende dallo stile di vita trascurato, dalla propensione a lasciarsi andare. Invece cercate di stare bene, migliorate ogni aspetto che possa in qualche modo minare la vostra salute generale.

  • Non prendere decisioni affrettate

    La depressione colpisce anche i processi decisionali. Si è particolarmente deboli e vulnerabili sotto l’attacco del male, spesso non si ha la capacità di giudizio richiesta per adottare decisioni che possono avere un impatto significativo sulle nostre vita. Perciò seguite questo consiglio. Non prendete decisioni capitali sulla vostra vita e la vostra carriera, se non sono imposte da altri o da situazioni esterne, durante un periodo di depressione. Potreste essere portati a scegliere l’opzione più al ribasso per star meglio in quel momento, danneggiando i vostri interessi futuri.

  • Avere una routine quotidiana

    Mantenere delle sane abitudini oltre a far bene, tiene il cervello impegnato. Se soffri di depressione rischi di chiuderti in casa e rinunciare a ogni occasione di vita sociale, stando in pantofole e pigiama senza far nulla. Questi sintomi potrebbero essere aggravati se svolgi il tuo lavoro da casa, non strano nelle professioni odierne, soprattutto quelle legate a internet. Cerca di tenere impegnata al mente stabilendo delle routine quotidiane, non rinunciando agli appuntamenti, cercando di stabilire dei punti fermi: la spesa al supermercato, andare al mercato, visite una libreria o una mostra, andare al cinema. E ovviamente tenere una lista di cose da fare per lavoro e per la famiglia. Muoviti, fai qualcosa.

  • Mangia sano scegliendo alimenti freschi

    Siamo ciò che mangiamo dice un saggio proverbio. E i medici potrebbero confermarvelo: la prevenzione delle malattie dai semplici disturbi alle malattie che rappresentano la prima causa di morte, comincia con la scelta dei cibi. Mangiate cibi freschi: meno carni rosse, insaccati, formaggi, a favore di grassi ricchi di omega 3. Pasta integrale, uso moderato di pane, bilanciando con verdure, frutta e cibi proteici.

  • Lascia perdere la droga e l’alcol

    Può sembrare inutile ribadirlo, ma l’alcol è una sostanza che crea depressione alla lunga. In generale le droghe e tutte le sostanze che alterano lo stato della nostra percezione, agiscono sul rilascio di dopamina. All’inizio ci sentiamo euforici, ma il rischio – nel consumo continuato e smodato – è di causare la de-sensibilizzazione del sistema di ricompensa. In sostanza troppa dopamina rende più complicato trovare gioia e soddisfazione per cose e situazioni che dovrebbero garantirla, aumentando il rischio di aggravare lo stato depressivo. Non a caso diversi farmaci antidepressivi sono antagonisti della dopamina, al fine di “resettare” i recettori.

  • Dormi bene senza disturbi

    Il sonno delle persone è di molto peggiorato nell’era degli smartphone e nell’eccessiva illuminazione. Quasi nessuno rispetta il ritmo circadiano. Ma se è pacifico dormire dalle 23 in poi, grazie al fatto che l’illuminazione artificiale rende possibile svolgere attività al buio, meno è rovinarsi il sonno lasciando la TV accesa o tenendo lo smartphone a portata di mano. Spegnere tutto o ridurre al silenzio, ostacolare le fonti di illuminazione, con persiane e tende e dormire di filato per 6-7 ore come minimo, anche se i medici ritengono che 8 ore siano assolutamente necessarie. Dormire bene aiuta a riposarsi fisicamente e mentalmente e i malati di depressione trovano immediato beneficio da un ciclo di sonno regolare.

  • Non chiedere troppo a te stesso

    Lo stress spesso viene indicato come causa di molti mali, a volte si dà la colpa allo stress perché non si riesce a trovare un colpevole. Tuttavia stressare troppo sé stessi significa innescare delle infiammazioni, che sono delle risposte del nostro organismo, con scariche di adrenalina continua e stati depressivi che si alternano. Lo sbilanciamento ormonale tende a stancare alla lunga amplificando lo stato di depressione, che può portare a vere e proprie crisi di panico e pensieri molto pericolosi. Tenersi al riparo da tutto ciò non pretendo troppo da sé: se a lavoro hai difficoltà parlane con chi può aiutarti, non spremerti, vai in vacanza, riserva a te stesso un po’ di comodità. Non essere una corda di violino costantemente tesa. Il rischio è la rottura definitiva.